2018. Grazie ai miei viaggi

Il mio grazie più grande del 2018 va ai miei viaggi. Quelli fatti con amici di vecchia data (tra cui c’è chi in questo momento sta risalendo la penisola per venire a passare l’inizio del nuovo anno con me) e quelli fatti da solo. Soprattutto quelli fatti da solo, dove ho conosciuto nuovi amici, tra cui c’è chi nel 2018 è già venuto a trovarmi, dando modo così a qualcun’altro di fare nuove scoperte.

In questi viaggi ho percorso a piedi 413 chilometri e ho capito che non c’è nulla nella vita che mi gratifichi di più di conoscere nuovi posti e di raccontarli. Ho scelto cinque foto rappresentative di questi viaggi, una per ciascuno dei territori che ho visitato. Sono stato due volte nella mia amata Spagna. Prima in Galizia dove ho visto per la prima volta l’Oceano Atlantico. Anzi, ci sono finito in mezzo, scalando le vette di un arcipelago incantato. Poi mi sono lasciato avvolgere dalla calda Andalusia e dai suoi pueblos blancos che ci parlano della possibile armonia tra uomo e natura. Sono tornato come da prassi nel Gargano a trovare la bella gente di Mattinata e dintorni. Mi sono perso tra le punte aguzze delle scogliere del Portogallo, ritrovando la strada di notte, là dove l’Europa saluta il suo ultimo sole. Ho visto per la prima volta Parigi, mi sono lasciato schiacciare dalla sua monumentalità dal colore di pietra. Ho visto per la prima volta Londra, l’ho raggiunta passando sotto la Manica. Una galassia umana in continuo rinnovamento. E proprio da un antico porto riconvertito in città contemporanea, che scorgete tra le foto,  vi saluto e vi do appuntamento al 2019, perché qualcosa bolle in pentola. Tutte queste storie non muoiono in una fotografia, ma ve le racconterò. Spero vogliate seguirmi in questo mio nuovo progetto. A tra poco.

Annunci

Un 2018 in prima linea

mirco paganelli giornalista videoreporter video-reporter

Questo è stato il mio 2018 passato in strada a raccontare una società che cambia, da Rimini all’Europa. Non è un mestiere semplice quello del video-reporter, specie in questi tempi di sfiducia. Ed è forse proprio questo contesto che fa aumentare la passione e la voglia di fare meglio. Qui trovate solo una manciata dei 524 servizi che ho realizzato quest’anno. Un anno che è cominciato con la Cultura e la riapertura del cinema che ha fatto avvicinare Federico Fellini alla settima arte. Un anno che si è concluso a Parigi dove alcuni simboli della Cultura sono stati presi d’assalto per protesta. L’uomo ha bisogno di conoscere, ma la conoscenza è una sorgente fragile. Talvolta ingannevole, perché ammaliante e suggestiva. Il giornalista deve stare in prima linea a custodire ciò che reputa essere giusto e discernere il vero dal menzognero.

Continuate a seguirci anche nel 2019!

Sinti, la guerra degli ultimi contro i penultimi

manifestazioni abusi edilizi piazza

A volte viaggiando in periferia si incrociano dei piccoli appezzamenti di terra cinti da alti arbusti. In alcuni casi si riesce ad intravedere dietro al fogliamo una roulotte, talvolta sostituita da una casetta mobile di legno. Sono le abitazioni dei sinti, un popolo originariamente nomade e legato al mestiere del giostraio e del circense. Nel tempo queste persone si sono stabilizzate in un luogo e hanno cominciato a svolgere mestieri diversi, dall’elettricista all’addetto alle pulizie. A loro in passato è stato chiesto di andare a vivere nei campi nomadi, quelli che presto, ovunque, si sono trasformati in favela insalubri e invivibili. C’è chi ha acconsentito e chi ostinatamente si è comprato un proprio pezzo di terra dove vi ha installato un rifugio su ruote. Da un po’ di anni queste abitazioni sono però considerate abusi edilizi, come le villette sulle scogliere o i locali rimediati chiudendo delle tettoie.

In Emilia-Romagna dal 2015 esiste una legge per l’inclusione sociale di rom e sinti che permette di regolarizzare tali aree. Il Comune di Rimini, guidato dal PD, ha proceduto con la contestazione degli abusi edilizi sulle parcelle delle famiglie sinte. Nel contempo, tra mille proteste, è impegnato nella realizzazione di altre parcelle, dette microaree, in cui insediare gli attuali residenti del campo nomadi di via Islanda, perché “quella è la situazione più degradata e grave. Non c’entrano nulla le altre situazione”, afferma l’amministrazione comunale.

manifestazioni abusi edilizi

“Il vicesindaco ha detto di voler disobbedire al decreto Salvini per aiutare i migranti, ma con tranquillità lascia che dei cittadini riminesi, tra cui tanti minori, finiscano per strada”, contrattaccano i sinti di Rimini. Va in scena un altro capitolo della guerra tra gli ultimi e i penultimi, a cui si aggiungono i terzultimi. I cittadini riminesi non-nomadi se la prendono con i nomadi perché non vogliono che questi siano privilegiati. I nomadi a loro volta se la prendono con gli immigrati perché questi ultimi verrebbero trattati meglio di loro. Tutti a chiedere uguaglianza e un equo trattamento. La politica schizofrenica intanto sta in bilico tra il perseguire i propri ideali e la ricerca del consenso. Il mondo sta giocando una partita dove non vincerà nessuno. Dove brinderà soltanto chi sarà riuscito a trarre profitto da questa zuffa. Ma che vittoria potrà mai essere quella fatta sulle spalle della povera gente, degli ultimi, dei penultimi e dei terzultimi?

Ho raccolto le voci dei sinti riminesi, che trovate in questo servizio, in un freddo pomeriggio di dicembre. Ad avermi colpito, la dignità di questa gente, molto spesso confusa con individui, sempre di etnia nomade, che si sono contraddistinti per i furtarelli e la sporcizia. La loro storia dimostra che il lavoro, la scuola e la battaglia contro i pregiudizi garantiscono l’integrazione.

 

La gente ha sete di cultura, come dimostra l’inaugurazione del Teatro Galli

inaugurazione teatro galli rimini

Di cultura si mangia e la gente è affamata. Viviamo in tempi in cui imperversa l’ignoranza, intesa come non conoscenza di ciò che ci circonda e scarsa capacità di interpretare i fatti. Siamo l’ultimo tra i paesi industrializzati nella classifica dell’Ocse che analizza la capacità delle persone di comprendere un testo. Il tasso di lettura di libri e giornali degli italiani è bassissimo rispetto a quello di altri paesi avanzati. Una regressione che porta sempre più gente e lasciarsi propinare qualsiasi teoria suggestiva da parte del bravo comunicatore di turno. Anche se quel comunicatore ha come fine ultimo il creare disordine, il diffondere la paura dell’altro per rendere l’opinione pubblica dipendente dalle proprie ricette: da se stesso.

Sono convinto del fatto che molta gente sia consapevole delle proprie lacune e che si dispiaccia di sapere così poche cose. Abbiamo le prove del fatto che se alla gente viene data l’occasione di informarsi e di imparare in maniera accessibile, comincia di corsa ad apparecchiare la tavola per sfamarsi al banchetto della conoscenza. Lo dimostrano i dati di ascolto stratosferici di un programma divulgativo come “Ulisse – il piacere della scoperta” di Alberto Angela. Ne è stata una prova domenica 28 ottobre la riapertura, dopo 75 anni di attesa, del Teatro Galli di Rimini. Quella sera la gente comune ha assistito in un clima di festa alla riconquista di questo polo culturale.

In questo video vi ripropongo la diretta che ho fatto per Teleromagna pochi istanti prima dell’inaugurazione del teatro. Poi la mia intervista alla mezzosoprano Cecilia Bartoli e ad alcune persone presenti in sala.

Il Def spiegato facile più alcune considerazioni

State ascoltando in questi giorni le parole “Def”, “manovra”, “deficit” ma non ne capite bene il significato? Avete poco chiaro cosa intende fare il Governo per incidere sul bilancio? Provo a spiegarvelo.

Il Documento di economia e finanza (Def) è lo strumento con cui l’esecutivo indica le riforme che intende fare nei prossimi anni. In esso presenta anche le proprie previsioni sull’andamento dell’economia e delle finanze del Paese. Lega e 5stelle stanno ultimando la definizione del proprio Def, e i contenuti sono pressoché chiari. Critiche sono arrivate da parte di tutti i principali centri di analisi. Fondo Monetario Internazionale, Unione Europea, Bce, Bankitalia, Ufficio Parlamentare di Bilancio, agenzie di rating… manca solo Paperone e il ragionier Filini. “Numeri troppo fiduciosi riguardo alla crescita”, hanno detto in coro.

Per sostenere i propri progetti, Lega e 5stelle intendono ricorrere ad un deficit del 2,4% del Pil. Il deficit si verifica quando le uscite di cassa superano le entrate, quindi va ad aumentare il debito pubblico. Il Pil indica invece la produttività ed è il principale indicatore di ricchezza di un paese. Per questo l’Unione Europea (e non solo) punta a mantenere contenuto il rapporto tra deficit e Pil nei propri Stati. Il ministro dell’Economia Tria voleva mantenere il rapporto all’1,6%. Di Maio e Salvini sono riusciti a strappargli il 2,4%. Ciò significa un ulteriore aumento del debito per finanziare alcuni progetti. (Ricordo che il debito italiano è altissimo e vale il 132% del Pil. È il terzo debito più opprimente al mondo dopo quello di Grecia e Giappone).

La manovra Lega-5stelle ha un valore complessivo di 37 miliardi di euro, di cui 22 miliardi in deficit. Da dove provengono i 15 miliardi non in deficit? Da nuove tasse e da tagli. In particolare da: condono, rottamazione delle cartelle esattoriali, riduzione delle agevolazioni sulle detrazioni fiscali, aumento degli acconti d’imposta, taglio alla Difesa, taglio alle pensioni più alte e altro ancora. In pratica è una manovra basata su tasse, debito e tagli. Servivano infatti molti soldi per finanziare i due progetti principali della maggioranza: Reddito di cittadinanza e superamento della Legge Fornero.
Questi sono i fatti. Ora le mie (non richieste) considerazioni. Penso che si tratti di una manovra con una visione a breve termine, costosissima, che aumenta il peso sulle future generazioni e che non punta alla modernizzazione del paese. La vedo come una competizione interna tra Di Maio e Salvini in cui ciascuno prova a gridare più forte, “Vedete? Abbiamo mantenuto le promesse”. Una manovra che spera di far balzare i consumi interni del Paese attraverso l’assistenzialismo, quando l’unica strada per farlo è il lavoro e l’efficienza delle imprese. Questa manovra non parla di giovani, scuola, ricerca, tecnologia, green economy e di una svolta per il Mezzogiorno. Tutto ciò che serve a questo paese per cambiare passo.

Aumentare così tanto il debito, nelle nostre condizioni di indebitamento, è un ostacolo alla crescita. Specie se ci si indebita per sostenere l’assistenzialismo e non la modernizzazione.

Enrico Lucci, il nulla e il ruolo dei vip

vip master 2018 ex iena lucci

Giovedì 20 settembre verso l’ora di cena iniziano ad arrivarmi tante notifiche sul cellulare. Sono le foto fatte pochi istanti prima da diversi amici ai loro televisori mentre in onda c’è Realiti Sciò, il format di Rai2 con protagonista la ex iena Enrico Lucci. Me le mandano perché in quella puntata ci sono anch’io.

Ho intervistato Lucci per TR24 durante l’estate al Vip Master 2018, a Milano Marittima. Parte di quella intervista è andata in onda nel suo programma Rai che – se ho capito bene – prende in giro il mondo dei vip. Quale occasione migliore del Vip Master per fare un po’ di satira sull’esibizionismo e sulla mondanità dei personaggi famosi? Il torneo in questione, che ho avuto il piacere di accompagnare per due anni con le mie interviste ai suoi protagonisti, sembra uscito dal passato. Una dolce vita all’ombra dei pini romagnoli. Un evento intriso di nostalgia che ricorda tempi in cui frotte di fan travolgevano i divi e le dive dello spettacolo durante eventi pubblici chiedendo loro autografi. Ora la televisione produce star e starlette che durano una stagione televisiva. Su Instagram dei perfetti sconosciuti hanno più follower di chi ha alle spalle migliaia di ore di diretta. Al posto degli autografi si chiedono i selfie.

E se c’è chi pensa che il mondo sia davvero cambiato anche per i vip è Enrico Lucci che mi ha regalato una profezia distopica: “Siamo destinati ad autodistruggerci e non ne rimarrà niente, a parte i vip”. Al che ho replicato: “Però i vip hanno senso se esiste la gente comune a fare loro da contraltare. Se il nulla spazza via la gente comune, quelli che rimangono non possono essere considerati vip”. La sua risposta è stata: “Beh, saremo dei vip nel nulla”. Silenzio. Sipario. E grazie, Enrico, per avermi considerato tra i vip.

Ps: Gli istanti di silenzio durante la diretta con lo sguardo fisso di Lucci in camera rimarranno sempre tra i miei ricordi televisivi più preziosi.

La madre di Cucchi a Borghi, “Grazie per aver fatto rivivere mio figlio”

sulla-mia-pelle-film-cremonini

Ferisce più di una coltellata. L’ultima settimana in vita di Stefano Cucchi, morto in carcere nel 2009 per cause che la magistratura non ha ancora accertato, irrompono nella pellicola del regista Alessio Cremonini in tutta la loro durezza. Non c’è stato bisogno di esibire la violenza per impressionare il pubblico e scuotere le coscienze. E questo lo si deve a una sceneggiatura diretta, priva di retorica, e a delle interpretazioni mirabili. Ho incontrato Cremonini a Riccione dove ha presentato il film ‘Sulla mia pelle’, prodotto da Netflix, pochi giorni dopo la prima di Venezia. “Era obbligatorio fare un film su Stefano Cucchi – mi ha detto – vista la crudele storia che ha vissuto questo nostro concittadino. E poi perché il cinema deve avere il coraggio di mettere in scena argomenti che dividono l’opinione pubblica”.

La vicenda giudiziaria è ancora aperta e ha coinvolto le forze dell’ordine e alcuni medici del carcere in cui Cucchi si trovava. Come ci si approccia, dunque, a una storia simile nel cinema? “Con umiltà. Volevamo ripercorrere nella maniera più oggettiva possibile quello che è accaduto a Stefano. E poi con lo studio. Abbiamo studiato a lungo i verbali”.

Magistrale l’interpretazione di Alessandro Borghi. La madre di Stefano Cucchi gli ha detto: “Grazie per aver fatto rivivere mio figlio per un’ora e mezza”. Borghi, sempre a Riccione, ha detto: “Quando le riprese del film erano finite ed ero ritornato nei panni di Alessandro, vi ero ritornato molto più incazzato di prima perché avevo scoperto dettagli che prima non conoscevo. Vedendo il film ci si accorge della quantità di cose che succedono a Stefano in soli sei giorni”. Una nota agente cinematografica dopo aver visto la pellicola ha detto a Borghi: “Alessandro, devi fare pace col fatto che questo rimarrà il tuo più grande film”. E probabilmente ha ragione.