L’albero della discordia

Albero natale brussels

Nell’Europa del 2012, quella del premio Nobel per la Pace per i 65 anni di non belligeranza, quella che dovrebbe puntare all’innovazione e alla solidarietà tra gli Stati per risollevarsi dalla crisi economica, sembra non manchino polemiche che sanno di antico. Ha avuto una notevole risonanza mediatica la sorpresa che la municipalità di Bruxelles ha riservato ai suoi abitanti per questo Natale. (Ricordiamo che ci troviamo nel cuore internazionale dell’Europa unita). Ebbene, nell’iconica e centralissima Grand Place, il tradizionale albero di Natale è stato sostituito da una gigantesca struttura luminosa, una sorta di albero in astratto, che si propone come una reinterpretazione dello stra-conosciuto simbolo festivo che spopola in ogni piazza del mondo, per non parlare degli interni. Tale opera d’arte contemporanea ha suscitato reazioni contrastanti, come spesso accade a questo mezzo di espressione umana. L’arte, per l’appunto. Ci sono quelli che se non vedono il giga-abete tutto agghindato e scintillante non percepiscono lo spirito del Natale e quelli che sostengono che sia stato ideato per smorzare un conflitto religioso (che non c’è), con i media che tendono a fomentare il dibattito e influenzare l’opinione pubblica più che rifletterla. Vediamo di capire queste posizioni.

Politically correct. Proprio così, anche gli alberi di Natale stanno diventando “politically correct”. In questo caso, in modo eccessivo. Molti, infatti, pensano che sia stata scelta una forma meno tradizionalmente cristiana per non offendere le altre confessioni religiose, in particolare i musulmani che qui rappresentano il 22% della popolazione. Praticamente è come se al posto dei crocifissi nelle scuole, per addolcire la diatriba inter-religiosa, avessero scelto di piazzare, che so, dei bastoncini Findus incrociati… Come se si facessero fessi così facilmente gli altri gruppi religiosi. Ad ogni modo è stato lo stesso rappresentante della comunità mussulmana in Belgio, Semsettin Ugurlu, a sottolineare che nessun albero è malvisto dalla sua gente. “Sappiamo di vivere in un paese di cultura cristiana. L’albero cristiano non ci offende”. Tra l’altro va ricordato che l’albero è un simbolo di origine pagana, presente in varie culture compresa quella araba, adottato in seguito anche dal Cristianesimo.

Impatto violento. La struttura post-moderna è stata criticata per essere incongrua con lo scenario gotico e barocco della piazza, come se non si potesse sopportare nemmeno per 30 giorni un’esperimento d’arte contemporanea. A quanto pare risulta meno violento sradicare un abete di 20 metri dal suo ambiente naturale, trasportarlo dalle Ardenne consumando litri di gasolio e soffocarlo di decorazioni! Che poi, chissà secondo quale assioma artistico le palline e le lucine siano considerate più compatibili con i palazzi del XVII secolo. Mistero dell’arte.

Va ricordato che si tratta di un’istallazione temporaneo, più eco-compatibile di un albero deturpato, che offre ogni giorno uno spettacolo gratuito davvero suggestivo ed emozionante: i pannelli che rivestono il suo telaio proiettano fasci di luci LED installate nella piazza, che inseguono la colonna sonora che risuona tra i palazzi, avvolgendo chiunque. Opere di questo genere vogliono stupire, intrattenere e farci interrogare sullo stato dell’arte e della tecnica in questa nostra epoca. Oltretutto è possibile salirvi in cima a quota 25 metri e godere di un punto di osservazione della piazza che nessun sempreverde potrà mai permettere, a meno che non ci si improvvisi Tarzan o King Kong. Insomma, pare un dibattito davvero inutile. Speriamo non sia un sintomo di quanta poca voglia ci sia nell’opinione pubblica, oltre che nelle amministrazioni sovrane, di progredire con lungimiranza.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...