2012, l’anno dello spread

anni duemila

2001, le Torri Gemelle. 2002, l’Euro. 2003, l’Iraq. 2004, lo tsunami. 2005, Wojtyla. 2006, la Coppa del mondo. 2007, Nassirya. 2008, la crisi. 2009, l’Abruzzo. 2010, Eyjafjallajökull. 2011, il 150°.

Gli anni 00 del Terzo millennio cominciano con gli attacchi all’Occidente. Torri che si sciolgono come burro. L’invasione del deserto. Poi le prime ritirate, e l’entrata in azione dei disastri ambientali. Tsunami. Katrina. Il vulcano che-non-deve-essere-nominato. I terremoti di Haiti e dell’Aquila. (Circa mezzo milione i morti). I media che intessono romanzi noir con gli omicidi tra vicini e familiari. Novi Ligure il primo set. Poi Cogne, Gravina, Erba, Garlasco, Perugia, Avetrana, Brembate di Sopra. Cittadine spesso sconosciute. Muoiono il capo della Chiesa, il leader dei palestinesi e il Re del Pop. Il cinema risucchia chiunque con ‘Il Signore degli Anelli’, ‘Harry Potter’ e ‘Avatar’. Una nostra macchina fotografica raggiunge Marte. iPod e iPhone segnano apogeo e fine di Steve Jobs. Wikipedia, coi suoi 17 milioni di articoli, è l’enciclopedia più ‘pesante’ al mondo da mettere su una mensola.

In India i cellulari sono passati da 2 a 545 milioni. In Cina gli utenti di internet da 22 a 420 milioni. Facebook connette attualmente 1 miliardo di ‘amici’. Si inviano 155milioni di tweet al giorno e 190mila SMS al secondo. L’Europa si è allargata a 27 e la Grecia, che ha coniato il termine Euro, va in bancarotta. A est una nuova potenza economica comincia a vagire, proprio mentre a ovest l’impero del Dollaro, che perisce a colpi di mutui, elegge un Presidente il cui incarnato non permetteva ai suoi simili, 50 anni prima, di sedersi ai ristoranti coi bianchi. L’Italia vede alternarsi 5 governi, di cui solo il Berlusconi-2 dura 5 anni… prima e dopo i fallimenti dei Berlusconi 1 e 3. (A quanto pare il prototipo del ’94 necessitava dell’intervento dei ‘tecnici’). Il più alto edificio al mondo misura 828 metri, doppiando il secondo. Di questo passo, si potranno visitare i defunti direttamente con l’ascensore.

2012, l’anno dello spread. A quanto pare, nell’anno della fine del mondo, i Maya non avevano predetto che tutto sarebbe dipeso da quanto saremmo stati bravi in confronto ai tedeschi.

Annunci

2 pensieri su “2012, l’anno dello spread

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...