Ma perché (non) applaudono?

Ma perché (non) applaudono

Del lungimirante ed impietoso discorso di Napolitano ha colpito la reazione dell’aula: l’esultanza dei bacchettati (i partiti) e la freddezza degli “innocenti” (M5S). Ma non si sarebbero dovuti scambiare di ruolo? Non si capisce come abbiano fatto i secondi a non applaudire un discorso che sembrava la trasposizione delle arringhe di Grillo, in cui i politici venivano accusati con parole pesanti quanto macigni di essere «irresponsabili», «sterili» e «sordi». I cinquestelle erano forse gli unici autorizzati all’applauso, non condividendo le colpe degli altri, severamente elencate dal presidente. Anzi, il discorso è stato persino più efficace di qualunque invettiva di piazza, perché figlio dell’arte oratoria e della lucidità di analisi. Non del muscolare e inconcludente strillo «tutti a casa». Se non hanno applaudito era perché evidentemente non volevano disobbedire l’ordine oligarchico, andando però così a contraddire quei principi di democrazia, libertà e trasparenza dei quali si sono fatti paladini.

Dall’altro lato, i trionfatori. Primo fra tutti, Berlusconi. Ricordiamo cosa disse questi alla prima elezione di Napolitano: «Non lo voto, ma ci posso convivere». E ai suoi, prima di quel discorso: «Mi raccomando: composti! Come fosse un funerale». Non gli andava proprio giù di vedere al Colle un uomo con «la cupezza di un armamentario culturale figlio di una stagione che non è ancora terminata». Insomma, un «comunista». Eppure nel 2013 si è riscoperto raggiante: «Il più bel discorso mai sentito», «il miglior presidente che potessimo avere», «meno male che Giorgio c’è!». Il Cavaliere è anche colui che ha elogiato l’operato di Monti – e propostogli di guidare i moderati – pochi giorni prima di affossarlo quale rovina del paese. Se è vero che solo i folli non cambiano mai idea, per seguire le montagne russe della suo pensiero logico occorre il GPS. In ultimo, è curioso sottolineare come la rielezione dell’«ultimo comunista» (come lo definisce la sua biografia) abbia determinato il tracollo del centrosinistra… Un paese alla rovescia.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...