L’amore ai tempi dello spread

amore-spread
Oscillazioni del portafogli, oscillazioni del cuore

Non posso fare a meno di notare come molte coppie unitesi prima del 2008 siano stabili ancora oggi, o abbiano perlomeno durato il più possibile negli anni della crisi mondiale, come una Grecia traballante in balia del debito pubblico e del tasso di disoccupazione. Al contrario, la frustrazione dovuta a questa congiuntura storica deve aver indotto molti single a concentrarsi di più su loro stessi, per cercare sicuri approdi professionali ancor prima che amorosi. Come recita Carrie Bradshaw all’inizio di ogni “Sex and the city”, I couldn’t help but wonder: è possibile che la crisi economica, dapprima crisi finanziaria e poi crisi sociale, sia sfociata in una crisi anche sentimentale?

Nel solo primo biennio dopo il tracollo dei mercati (2009-2010) i matrimoni sono precipitati del 6%. Considerando che il loro calo medio annuo nel ventennio precedente era dell’1,2%, ci rendiamo conto che il fenomeno si è quintuplicato in davvero poco tempo. La gente non ha più tempo per le “menate”. Quando lo spread schizza, i rendimenti galoppano e il lavoro scarseggia, chi riesce ancora a guardarsi attorno per rincorrersi o corteggiarsi? Le preoccupazioni sono altre. Compilare il CV europeo; leggere annunci di lavoro; ricercare aziende dove autocandidarsi; consultare bandi; fare un corso per specializzarsi; cambiare città; escogitare escamotage per farsi conoscere e attrarre l’attenzione della gente che conta. Ottenere contatti. Vendere libri, l’auto. Consultare l’estratto conto sull’home banking (che prima sembrava solo una brutta parola). Passare il doppio del tempo a fare la spesa per analizzare tutte le etichette e capire quale carta igienica costi di meno a parità di “strappi”. Fare acquisti on-line, utilizzare coupon, darsi al low-cost… Bastano solo la metà di queste azioni per necessitare di una giornata di 48 ore.

L’amore scarseggia in maniera direttamente proporzionale alla disoccupazione e inversamente proporzionale al Pil. Più siamo ricchi, più amoreggiamo. Più siamo poveri, più siamo indaffarati a galleggiare. Quando le cose vanno male al contorno, i nodi vengono al pettine all’interno. Non a caso le rivoluzione scaturiscono sempre dalla sofferenza: a nessun parigino sarebbe mai venuto in mente di assalire la Bastiglia se avesse avuto la dispensa piena di baguette (e brioche); così come a nessuno sceicco coi rubinetti d’oro passerebbe per la testa l’idea di scendere in piazza e protestare contro l’eccesso di petrolio. Nonsense.

Dunque ci dev’essere un’interconnessione fra i due dati, economia e accoppiamenti. Quando i titoli di stato costano caro al paese, le azioni dell’amore non sembrano essere l’alternativa ideale per gli investitori che desiderano “diversificare il portafoglio”. Il loro tasso di rischio è troppo alto. Quando lo spread Btp-Bund supera la soglia di sicurezza dei 300 punti base è un chiaro segnale per i cuori innamorati: vendere, vendere, vendere. Mollare, mollare, mollare.